Plastiche, marine litter e rifiuti ingombranti


Il problema delle plastiche e microplastiche è una delle emergenze ambientali  dei nostri mari e che ha notevoli implicazioni non solo per l’impatto che tali materiali hanno per numerosi organismi marini (es. tartarughe o cetacei), ma anche per la salute umana, in quanto le microplastiche entrano, attraverso organismi microscopici (e.g., zooplancton) nella catena alimentare che può arrivare fino all’uomo.  Oltre alle plastiche, anche altri materiali di rifiuto (marine litter) ed alcune tipologie di rifiuti ingombranti (es., batterie di macchine, elettrodomestici, copertoni, veicoli di vario tipo),  hanno effetti deleteri, non solo per aspetti estetici e di fruibilità della risorsa mare, ma perché i loro impatti a medio e lungo termine sono in larga misura ancora sconosciuti. La problematica della “marine litter” è così attuale che la Comunità Europea ha inserito questo aspetto  all’interno dei monitoraggi della Marine Strategy.  La segnalazione di tali rifiuti è  importante anche al fine di rimuovere ove possibile tale materiale e ristabilire la naturalità dei luoghi.


Rifiuti e plastiche

Rifiuti di varia natura, maggiormente plastici ed ingombranti, accumulati sul fondale marino e  colonizzati da ricci.

Rifiuti e plastiche

Rifiuti plastici ed ingombranti accumulati dalle correnti sul fondale marino.